Dopo aver praticato fin dalla più tenera età nuoto ed atletica, a partire dai 12 anni Il Maestro Giuseppe Possemato ha abbracciato il mondo delle arti marziali dedicandosi al Karate Shotokan per oltre 20 anni. Negli anni a seguire ha esplorato varie arti marziali cinesi: Wing Chun, Tang Lang e Tai Chi stile Chen. Il vero punto di svolta però è avvenuto nel 2000, quando ha approcciato il Tai Chi Chuan originario della famiglia Yang con il Maestro Chu King Hung, responsabile Europeo dell’ ITCCA, 5a generazione della famiglia Yang e discepolo del Gran Maestro Yang Sau Chung. Nel 2005 è diventato insegnante ITCCA e UISP. Dal 2007 al 2014 ha proseguito l’approfondimento dello stile Yang tradizionale con il Maestro Ding Teah Chean, 6a generazione, primo discepolo del Gran Maestro Ip Tai Tak.

Il Maestro ha inoltre studiato Qi Gong con il Dr. Wang e la Dr.ssa Hu Lijuan.

Il Maestro Andrea Capriotti ha iniziato lo studio dello Karate Shotokan a 12 anni, raggiungendo il grado di cintura nera 1° Dan. Perso interesse per le competizioni agonistiche, si è poi dedicato allo studio dell’Aikido, guadagnando anche in questa disciplina il grado di cintura nera 1° Dan. Nel 1989 ha approcciato il Kung Fu, approfondendo per 18 anni molteplici stili (Wing Chun, Shaolin, Tang Lang, 5 animali); la passione per le arti marziali cinesi lo ha portato ad un impegno quotidiano che lo ha infine indotto a compiere una scelta di vita radicale in ambito lavorativo.

Nel 1994 ha iniziato lo studio del Tai Chi Chuan della famiglia Yang con il Maestro Chu King Hung, responsabile Europeo dell’ ITCCA, 5a generazione dello stile Yang e discepolo del Gran Maestro Yang Sau Chung. In quegli anni ha continuato i suoi studi sia nel Kung Fu che nel Tai Chi.

Nel 2005 il Maestro ha conosciuto a Londra il Maestro Ding Teah Chean (6a generazione dello stile Yang, primo discepolo del Gran Maestro Ip Tai Tak), incontro che ha impresso una svolta decisiva nella sua pratica marziale. Dal 2007, infatti, il Maestro ha deciso di dedicarsi solo ed esclusivamente allo studio del Tai Chi Chuan dello stile Yang.

Concluso il primo anno nei corsi principianti e acquisite le prime basi per poter applicare il linguaggio del corpo caratteristico del Tai Chi Chuan, lo studente ha la possibilità di intraprendere un percorso di approfondimento, aggiungendo al proprio bagaglio nuove nozioni e tecniche: forme a mani nude e con armi, livelli avanzati di Qi Gong e applicazioni a coppia.

Al termine di ogni livello sarà possibile valutare i propri progressi nella pratica partecipando all’incontro annuale organizzato dalla federazione AIMA e dai Maestri Possemato e Capriotti.

Un approccio raro nelle accademie di arte interne, in questo caso, più che a identificare un esercizio codificato appartenente ai livelli più avanzati di Tai Chi Chuan, utilizziamo il termine Tui Shou per identificare un insieme di tecniche a coppia basate sulle otto parole chiavi: Pang, Lu, An, Ji, Kao, Zhou, Lie, Tsai.
Come la prepugilistica può far accedere a un primo livello di conoscenza del combattimento sul ring, questi corsi sono incentrati sullo studio metodico e funzionale degli assetti fisici per interagire con un partner, in quello che è il necessario percorso per l’applicazione marziale del Tai Chi Chuan.
Studio del movimento, geometria del corpo e potenziamento della struttura sono le basi di questo allenamento.

Leggerezza, agilità e equilibrio sono gli obbiettivi di queste classi.

L’allenamento ha un ritmo misurato per avere sempre un respiro controllato e profondo. I movimenti del programma Principianti sono addolciti e semplificati nella loro esecuzione, mantenendo inalterati i principi che identificano le peculiarità di ogni parte dell’allenamento.

La colonna vertebrale trae giovamento da movimenti finalizzati a scaricare a terra le tensioni attraverso un corretto uso del corpo e del gesto.

I corsi principianti sono la porta d’ingresso per chi abbia voglia di cominciare lo studio dei principi fondamentali del Tai Chi Chuan.

Il programma di queste classi è diviso in tre parti: meditazione, scioglimento del corpo e studio di una sequenza di movimenti codificati chiamata “Forma Terra”.

Obiettivo di studio sarà il recupero di una postura corretta e l’inizio di un dialogo con il corpo attraverso il controllo delle sue parti e delle relative giunture. Si lavora principalmente sul riallineamento dei tratti dorsali e cervicali e sul rilassamento dell’addome, per donare sollievo e tono a organi e tessuti interni.

Comincia la sua esperienza nelle arti marziali all’età di 14 anni iscrivendosi a un corso di Karate Shindo Ryu. Qualche anno dopo intraprende un’intensa carriera sportiva, passando attraverso diverse discipline praticate a livello agonistico. Nel 1999 consegue il primo titolo di Istruttore Federale FICK nella disciplina della Canoa/Kajak. Affascinata dalle discipline olistiche nel 2003 si iscrive a un corso di 5 anni di Kundalini Yoga e di meditazione tibetana. Nel 2007 incontra il M° Andrea Capriotti e comincia a praticare il Tai Chi Chuan stile Yang. Frequenta regolarmente i corsi di approfondimento per insegnanti organizzati dall’AIMA. e nel 2017 consegue il diploma riconosciuto dal CONI di insegnante di Tai Chi Chuan 2° livello.

Iscritta all’Albo dei tecnici e dei formatori A.S.C. (Attività Sportive Confederate), comincia a praticare il Tai Chi Chuan stile Yang nel 2007 presso l’A.s.d. Arti d’Oriente. Nel maggio 2015 consegue il diploma di insegnante di primo livello seguendo i corsi di formazione dei maestri Andrea Capriotti e Giuseppe Possemato.
Da sempre affascinata dall’aspetto salutistico insito in molte discipline, nel 2017 propone e apre il primo corso di "Tai Chi Dolce" nel programma didattico di Arti d'Oriente.

Oggi, oltre ad essere insegnante presso la nostra accademia, è presidente dell'associazione sportiva dilettantistica "MeditareInMovimento".

A 14 anni inizia lo studio delle arti marziali con il Judo sotto la guida del maestro Antonio Ferrante. Continua lo studio delle arti marziali con il Karate Wadoryu raggiungendo il grado di cintura nera I° Dan con il Maestro Giancarlo Troiano. Abbina alla pratica del Karate alcune esperienze di Aikido con il Maestro Elena Gabrielli. Inizia la pratica degli stili “interni” nel 2004 con il Tai chi Chuan presso la a.s.d. Arti d’Oriente con il Maestro Andrea Capriotti, diventato in seguito rappresentante in Italia della John Ding Academy.  In qualità di insegnante di Tai chi Chuan. Frequenta regolarmente i corsi settimanali e gli approfondimenti mensili per insegnanti AIMA tenuti dai Maestri Andrea Capriotti e Giuseppe Possemato.

Inizia il suo percorso nelle arti marziali per puro caso, grazie al consiglio di due colleghi e amici di pratica Enrico Maria De Persio e Diego Angeli.
Il primo stile che ha praticato è la Mantide Sette Stelle, 2004-2007. Nel 2007 partecipa a un workshop tenuto dal Maestro Ding Teah Chean, 6a generazione dello stile Yang, e decide di dedicarsi esclusivamente all’arte del Tai Chi Chuan. Seguendo gli insegnamenti del Maestro Andrea Capriotti avvia il suo percorso di formazione per diventare un artista marziale. Partecipa per sei anni ai ritiri per insegnanti della Master Ding Academy e ai workshop di Internal Kung Fu tenuti in Italia e in Inghilterra.

Dal 2010 inizia il suo percorso d’insegnamento presso l’accademia Arti d’Oriente, prima assistendo il Maestro Capriotti e poi avviando i suoi corsi personali. Nel 2017 diventa presidente dell’associazione.
Nel 2016 consegue il diploma di 3° livello insegnante seguendo i corsi di formazione organizzati dall’AIMA e tenuti dai Maestri Giuseppe Possemato, Andrea Capriotti e Roisìn Collins.

wdedcedcececd